Salò e la catarsi

Il mondo del cinema ha spesso estetizzato il concetto di violenza fino a renderlo una vera e propria forma d’arte.Ricordo che una quindicina d’anni fa, insieme ad un gruppo di amici, ci avventurammo nella visione del film di Pier Paolo Pasolini “Salò e le 120 giornate di Sodoma”. Uso il termine avventurarsi non a caso…

Dafne e il Terzo Argomento del Decamerone Epicureo

La violenza vuole, mentre la meraviglia non vuole nulla. A questa è perfettamente estraneo il volere; le è estraneo e perfino nemico tutto quanto non persegue il suo inestinguibile stupore estatico. E, ciò nonostante, la violenza viene a romperla e rompendola invece di distruggerla fa nascere qualcosa di nuovo, un figlio di entrambe: il pensiero,…

Visitare lo studio di un pittore

La voce di Fiammetta è un collettivo che propone videoletture semplicemente deliziose (ecco la loro pagina Facebook e il canale YouTube – piaciate e seguite!!); la voce della lettura che segue è dell’amico Giuseppe Girimonti Greco, che ci ha dato l’autorizzazione a condividere questo bellissimo video. Il brano è tratto da In campagna è un’altra…

L’anomalia gemella

Era il tormento e l’estasi delle commesse. Estasi perché era una delle clienti più spendaccione e insaziabili e loro ricevevano a fine settimana una commissione sulle vendite. Tormento perché, per accontentarla, bisogna mettere sottosopra l’intero negozio che era grande e ben fornito. Alla fine chi l’aveva servita si ritrovava a piegare e riporre un quantitativo…

Note di colori

Sinestesia, vale a dire la capacità di percepire il mondo senza barriere tra i sensi. Per esempio, potreste annusare un odore e percepirlo colorato: sentire l’odore dell’erba e vedere un azzurro che sa di pulito. Non perché il profumo dell’erba vi fa venire in mente il colore azzurro, ma perché la vostra mente conosce quell’odore…

Fanno le foto ai Mirò

Credo che esistano poche cose più belle di viaggiare da soli, rendere reale quel senso di irrequietezza che ti porta a fare uno zaino e prendere un treno, un aereo, giocare a essere qualcun altro, giocare a essere se stessi. Questa fortuna io l’ho avuta e mi ritrovo ora come se vedessi me stessa in…

Senza Colore

Quand’erano all’Accademia, Peter diceva che tutto ciò che facciamo è un autoritratto. Magari somiglia a San Giorgio e il drago, oppure al Ratto delle Sabine, ma l’angolazione, la luce, la composizione, la tecnica, sei sempre tu. Persino il motivo che ti spinge a scegliere una particolare scena sei tu. Ogni colore e ogni pennellata. Peter…

Tra il bianco e il nero

Giorno 260 di isolamento su Mimas. Da mesi ho interrotto le comunicazioni con i miei cari sulla Terra. All’inizio provavo a scrivere qualcosa che veniva successivamente fagocitato dal cursore restituendomi nel suo movimento a ritroso uno schermo bianco e lasciandomi ipnotizzato a fissare il ritmo della stanghetta nera. Ora non ci provo neanche più. Dopo…