Qualcuno traduca questo libro: “Be Water, My Friend: The Teachings of Bruce Lee” (Shannon Lee)

Qualcuno traduca questo libro: “Be Water, My Friend: The Teachings of Bruce Lee” (Shannon Lee)

27 Novembre 2020 2 Di Gli Epicurei

In questo periodo ho bisogno di Bruce Lee, e allora mi sto leggendo Be Water, My Friend: The Teachings of Bruce Lee scritto da sua figlia Shannon, che è una che ti viene voglia di abbracciare solo a guardarla in foto e che poi, leggendo il libro, ti innamori di lei, perché dice quello che vuole dire con chiarezza e semplicità, offrendo spunti interessantissimi di riflessione e soprattutto di azione,raccontando con grazia e un approccio molto morbido quella che è la filosofia di suo padre.

Con tutto che, forse, l’approccio aforistico di Bruce mi è più congeniale, c’è da dire però che Shannon riesce a “smarzializzare” con grande efficacia l’approccio del padre alla vita e, soprattutto, a darne un’immagine esatta e coerente e a renderlo più chiaramente applicabile a contesti che propriamente marziali non sono: essendo il pensiero di Bruce Lee profondamente connesso con il corpo, impregnato di Oriente e Occidente e connesso all’arte del combattimento in tutte le sue forme è molto facile che molte persone possano sentirlo estraneo, a loro poco congeniale, o comunque limitato all’applicazione delle arti marziali, mentre invece si tratta di un approccio alla vita a tutto tondo.

Don’t separate yourself from the experience in order to analyze it. Don’t isolate yourself from what just transpired. Don’t disappear.
Non staccarti dalla tua esperienza per poterla analizzare. Non isolarti da quanto ti è appena accaduto. Non scomparire. (Traduzione mia)

Mi rendo conto che sto scrivendo di questa materia con una certa goffaggine, ma è così che mi sento, adesso: incredibilmente goffa, a riesaminare quanta integrità ci sia in me e tra il mio pensiero e le mie azioni e quanto io stia esprimendo me stessa al massimo, e non per migliorare il mondo o che, ma semplicemente perché dare il meglio e aprirsi alla vita è la cosa giusta da fare; e Be water my friend è un’opera talmente piena di amore, e non solo di una figlia verso un padre ma anche di un uomo verso la sua vita, che è impossibile non rimanerne toccati.

È un casino ed è meraviglioso, perché Shannon riesce a trasferire la saggezza leggera e miuscolare di suo padre con una grazia tutta diversa e ad essa complementare, senza raccontarla passivamente o idolatrandola, ma mettendola regolarmente alla prova e aggiustandola e aggiustandosi in base ad essa; che mi rendo conto che non è questa cosa eccezionale o rivelatrice di chissà cosa, ma a me questo approccio dialettico, malleabile senza perdere di identità, con le situazioni e le circostanze non manca mai di incantarmi. E poi, ripeto, si respira talmente tanto amore, talmente tanta voglia onesta di condividere e magari essere d’aiuto, e con una tale disponibilità e con un approccio così dolce che niente, sono ancora più sedotta da questo modo di vivere la vita.

He worked not only at sculpting his body but at shaping his mind, educating himself, evolving his practices, developing his potential. He also worked at the little things, like having beautiful handwriting, writing and speaking grammatically well, developing a colloquial understanding of English through joke-telling, learning how to direct a film—the list goes on and on. And as a result, he created a legacy that continues to be relevant forty-seven years after his death.
Lui (Bruce Lee) non si è dedicato solo a scolpire il suo corpo, ma anche a dare forma alla propria mente, affinandosi nella pratica, svilppando il suo potenziale. Si è anche applicato a piccole cose, come avere una bella grafia, parlare e scrivere nel modo corretto, capire i giochi di parole in inglese, dirigere un film, e la lista va avanti. Come risultato, ha creato un’eredità che continua a esistere quarantasette anni dopo la sua morte. (traduzione mia)

Voglio dire, si avverte un tale senso di responsabilità, unito a un tale entusiasmo nel voler vivere una vita piena e sviluppare a pieno ciò che si è che non è possibile non rimanerne contagiati, oltre che affascinati.
E allora diventiamo come l’acqua amici miei, e tuffiamoci nella vita, che è splendida.

(laChiara)