I proprietari (che brutta parola) amano i loro cani.

I proprietari (che brutta parola) amano i loro cani.

13 Novembre 2020 0 Di Gli Epicurei

Nel silenzio della notte si udirono provenire dalla casa due spari in rapida sequenza.

Poco dopo dalle scale interne scendeva, un gradino alla volta, un uomo aggrappato al suo fucile (regolarmente dichiarato), con il quale aveva appena spento le giovani vite della moglie e del figlioletto.

Fu a quel punto che incrociò il suo cane, che piantato sulle quattro zampe e agitando nervosamente la testa abbaiava verso di lui.

L’uomo restò a guardarlo cercandone invano lo sguardo.

Ci mise più di un minuto per decidere di passare oltre, e quindi rivolgere il fucile stavolta contro se stesso.

Un terzo sparo.

Giuseppe Sunseri Vi abbraccia.