Spalla at the disco

Spalla at the disco

28 Agosto 2020 0 Di Gli Epicurei

Ebbene sì, c’è stato un tempo in cui anche io frequentavo le discoteche, anzi non era proprio una discoteca, era un bar sulla spiaggia  dove mettevano la musica. Questa nello specifico era a Marina di Massa o al Cinquale… non mi ricordo. Mi ricordo però che mi passava a prendere la mia amica uscendo da lavoro, tardissimo, e correvamo nel locale tutte pronte… cioè lei più pronta di me… cioè… lei era quella a cui piaceva veramente quella cosa: fare le quattro di mattina, andare a fare colazione all’Imperiale e tutto il corollario di sconosciuti che ti si strusciano ai fianchi. 

Io facevo la spalla, l’amica che ti tiene la borsa mentre l’amica limona in un angolo, che beve poco  perché poi bisogna tornare a casa e quella che (giuro è successo davvero) viene avvicinata per sapere il nome dell’altra.

Sì insomma, era un periodo di merda per l’autostima. Quindi ogni volta, e per fortuna capita raramente, che mi torna in mente questa canzone da una parte mi prende un po’ la nostalgia per quei vent’anni in cui riuscivo ancora ad adattarmi alla massa, dall’altra la massa fa schifo, la disco music fa schifo, e ora chi mi si avvicina è per sapere come mi chiamo io.

(Valentina Bertolini)