Una madeleine: Better living trhough chemistry (È sempre meglio la pillola blu?)

Una madeleine: Better living trhough chemistry (È sempre meglio la pillola blu?)

3 Luglio 2020 0 Di Gli Epicurei

Ho ascoltato per intero per la prima volta l’intero album Rated R dei Queens of the Stone Age insieme all’amico D. durante un interminabile viaggio in auto verso casa, dopo una serata che, ignorando l’alba, si era trasformata in un abbacinante mattino.
La mancanza di sonno mescolava la stanchezza e l’euforia e mi rendeva particolarmente ricettiva a quella musica che a pieno diritto si stava trasformando nella colonna sonora di un momento assolutamente perfetto.

The blu pills open your eyes
Is there a better way
A new religion prescribed
To those without a faith


Nell’incipit non si può non notare il riferimento al film Matrix, e al concetto di libero arbitrio.
Morfeus si rivolge a Neo dicendogli: “Hai mai fatto un sogno così reale da sembrare vero? E se da quel sogno non dovessi mai più risvegliarti, come distingueresti il mondo dei sogni da quello della realtà?”.
A dispetto del titolo, sarebbe troppo facile pensare che la consapevolezza, quel “better living” si ottenga solo attraverso le droghe, un concetto troppo riduttivo.
Platone nel mito della caverna cercò di spiegare agli uomini che essi non vedono la realtà, ma solo ombre.Io credo che il risveglio, la consapevolezza si ottenga solo quando si è in uno stato di “dormiveglia attivo e ricettivo”.
Questa canzone è stata senza dubbio un’epifania mattutina, l’intuizione nata da una ottenebrazione, alla fine di una epica nottata insonne.

(Francesca Maggi)