Dino

Dino

30 Aprile 2020 0 Di Gli Epicurei

Ieri ho incrociato una Fiat “Dino”. E non una Ferrari.

Se ne stava ferma ad un semaforo, consapevole di quel fascino sportivo ed antico insieme, riservato ai pochi, quelli di una certa età, che l’hanno conosciuta ai tempi della sua prima uscita.

Mi meraviglio al pensiero di quelle mani sapienti ed artigiane che le hanno restituito le sembianze giovanili del ’66.

Poi scatta il verde, mi strombazzano dietro, incuranti di interrompere bruscamente quell’emozione scolpita in una armonia di spigoli, metalli e cupi rombi di cilindri esuberanti di nostalgia.

E così sono costretto ad andare…

(Giuseppe Sunseri)